Un lavoro, due padroni

Luogo: provincia di Cuneo

Data: dicembre 2010

Comparto produttivo: alimentare

Esito: l’infortunata si è tagliata il dito pollice della mano destra

Dove è avvenuto: reparto produzione di un’azienda dolciaria

Cosa si stava facendo: Bianca, l’infortunata stava lavorando su una linea che taglia la pasta e la porta al forno. Il suo compito era quello di controllare che la linea funzionasse regolarmente e se c’erano problemi o intoppi risolverli.

Descrizione infortunio: dopo poco tempo dall’inizio del turno di lavoro, Bianca ha notato che nella zona di taglio del foglio di pasta si erano formati dei grumi che rovinavano il taglio e di conseguenza la forma delle sfoglie. Ha cercato di avvisare il manutentore per risolvere il problema ma non lo ha trovato così ha deciso di provare da sola, ha preso un raschietto e, senza fermare la linea, ha iniziato a rimuovere i grumi di pasta che nel frattempo si erano ammucchiati. All’ennesima discesa dei coltelli, il pollice della sua mano destra veniva in contatto con il filo tagliente dell’utensile.

 Come prevenire

Occorreva rispettare gli accordi stipulati con la ditta appaltante, i dipendenti della Cooperativa  non avrebbero dovuto svolgere compiti legati alla produzione.  L’infortunata e gli altri dipendenti non erano formati a svolgere quel compito. Inoltre entrambi i datori di lavoro (quello della ditta dolciaria e quello della cooperativa) avrebbero dovuto  valutare i rischi interferenziali. In ogni caso la linea dove è avvenuto l’infortunio presentava delle carenze: le protezioni installate  non erano comunque adeguate.