Tante misure per nulla

Luogo: provincia di Alessandria
Data: estate 2010
Comparto produttivo: edilizia
Esito: un lavoratore ha riportato gravi lesioni tra cui fratture al bacino, all’osso sacro, al braccio sinistro, oltre a lesioni a un rene, a un polmone, alla bocca, in particolare ai denti.
Dove è avvenuto: nei pressi di un capannone di un’azienda agricola circondata da terreni coltivati.
Cosa si stava facendo: si stava realizzando un impianto fotovoltaico sulla copertura dei fabbricati di un’azienda agricola.
Descrizione infortunio: Roberto si trovava a sei metri di altezza sulla copertura di un fabbricato costituita da travi in cemento parallele. Un’altra impresa aveva già eliminato le lastre di copertura in cemento amianto. Roberto ha posato il piede sull’unico pannello già posizionato ma non fissato ed ha perso l’equilibrio. Si è appoggiato al parapetto laterale posto a protezione del bordo che non ha offerto la resistenza prevista perché si è sganciato dalla trave e di conseguenza è caduto a terra.

Come prevenire: scegliere il sistema di protezione più efficace (anche in relazione al rischio di caduta dall’alto nel perimetro del fabbricato), individuare l’eventuale parapetto provvisorio più indicato per quella tipologia di lavoro in quota, installare correttamente l’apprestamento e se lo stesso rimane in posa per molto tempo, verificare periodicamente il mantenimento dell’efficienza del sistema.