Incastrato dalle consuetudini

Luogo: provincia di Torino

Data: febbraio 2012

Comparto produttivo: agricoltura

Esito: un agricoltore ha subito diverse fratture agli arti inferiori.

Dove è avvenuto: L’infortunio è avvenuto sul terreno di un’azienda agricola nelle campagne della pianura pinerolese, un pomeriggio di febbraio alle 16.30 circa.

Cosa si stava facendo: L’infortunato era intento al trasporto di un carico di pali in legno che doveva portare su un terreno di pertinenza dell’azienda per realizzare un recinto per vitelli. Per l’operazione si era fatto aiutare dal figlio, in qualità di coadiuvante. I pali erano caricati su un rimorchio trainato da una trattrice agricola. Il rimorchio e la trattrice erano collegati tra loro con un albero cardanico, necessario per azionare la pompa idraulica che determina il ribaltamento del cassone del rimorchio.

Descrizione infortunio: L’infortunato ha azionato la presa di forza e si è avvicinato nella parte posteriore della trattrice agricola per verificare come procedeva lo scarico dei pali. Durante il ribaltamento del cassone, il rimorchio ha avuto un sobbalzo in avanti, ed in quel momento l’infortunato è rimasto impigliato con i pantaloni nell’albero cardanico. Il figlio ha messo in folle la presa di potenza, interrompendo il movimento rotatorio dell’albero cardanico. L’infortunato ha riportato una frattura pluriframmentaria scomposta del terzo prossimale del femore sinistro, trauma distorsivo al ginocchio sinistro e frattura bimalleolare a destra.

Le macchine agricole e attrezzature erano di produzione antiquata e l’albero cardanico era sprovvisto delle dovute protezioni imposte dalla normativa in materia di salute e sicurezza sul luogo di lavoro. La presenza del coadiuvante ha certamente impedito lesioni peggiori all’infortunato o la morte dello stesso.

Come prevenire:

Le indicazioni per la prevenzione sono di dotare l’albero cardanico delle protezioni antinfortunistiche:

  • le cuffie, costituite da imbuti di base e fasce di estremità;
  • le ghiere di collegamento, per consentire la rotazione dell’albero rispetto alla protezione;
  • i tubi telescopici;
  • le catenelle di ritegno, atte ad impedire il parziale trascinamento in rotazione della protezione rispetto all’albero cardanico, ad esempio in presenza di scarsa lubrificazione;
  • i pittogrammi applicati alle protezioni, il cui significato deve essere illustrato nel manuale d’uso e manutenzione.