Fuori dal tunnel

Luogo: provincia di Novara, Piemonte

Data: autunno 2013

Comparto produttivo: elettricità, gas, acqua

Esito: Ettore è stato colpito gravemente al capo dal coperchio di una turbina: ha riportato una prognosi di 164 giorni mentre Achille, un collega, è stato ferito lievemente a una mano e ad una spalla.

Dove è avvenuto: all’interno di un vecchio mulino dove era stata ricavata una centrale idroelettrica

Cosa si stava facendo: i due lavoratori stavano facendo alcuni lavori di manutenzione su una turbina della centrale: dovevano sostituire un giunto rotante (o distributore).

Descrizione infortunio: Ettore e Achille stavano eseguendo i lavori necessari per arrivare a smontare il coperchio della turbina. Dato il peso elevato, i due lavoratori lo hanno agganciato ad un gancio posto nella parte superiore del tunnel tramite un paranco a catena e poi hanno iniziato a smontare le viti mantenendone 4 avvitate per tenerlo in posizione.

Achille svitava le viti ed era in ginocchio davanti alla turbina e le passava a Ettore che era dietro di lui in piedi. Improvvisamente le quattro viti rimaste si sono spezzate e il coperchio è stato proiettato fuori dalla sua sede colpendo i due operai: Achille che era accovacciato è stato colpito a una mano e alla spalla, mentre Ettore che era in piedi alle spalle del collega è stato colpito al busto e alla testa.

Come prevenire:

I lavoratori infortunati dovevano svolgere delle operazioni di manutenzione sull’impianto, avrebbero dovuto ricevere dal committente il “permesso di lavoro” come definito dalle norme UNI EN 10148 e UNI EN 10449, uno strumento semplice ma efficace per la trasmissione delle informazioni sui rischi delle attività da svolgere.

In tale documento “il committente indica i rischi specifici nell’ambiente in cui l’assuntore dovrà operare e le operazioni preliminari all’esecuzione dei lavori”.