“A l’è ‘ndame bin” (Mi è andata bene)

Luogo: provincia di Cuneo, Piemonte

Data: dicembre 2011

Comparto produttivo: agricoltura

Esito: Paolo, l’infortunato ha perso l’avambraccio destro che è stato strappato e stritolato dagli ingranaggi di una rotoimballatrice

Dove è avvenuto: all’interno dell’azienda agricola, sotto un porticato vicino alle stalle, dove vengono riposti i mezzi agricoli, quando non sono utilizzati, per ripararli dalle intemperie.

Cosa si stava facendo: stava pulendo una macchina agricola: la rotoimballatrice. Per fare questa operazione ha prima aperto e sollevato tutti i ripari, poi ha collegato la macchina alla presa di potenza del trattore mettendolo in marcia. Si è dunque avvicinato alle parti in movimento interne per raggiungere i punti da pulire e liberarli da cordini e dal fogliame che era rimasto incastrato durante il lavoro. Per raggiungere tutti i punti si è anche arrampicato sulla macchina per arrivare alle parti più interne.

Descrizione infortunio: mentre svolgeva questa operazione, il suo braccio è stato il agganciato dai pettini rotanti all’interno della macchina e trascinato verso l’interno. La rottura dei legamenti e dell’articolazione del gomito ha impedito che venisse trascinato negli ingranaggi.

Come prevenire:La macchina era a norma, tutti i ripari erano dotati di bulloni che Paolo ha deliberatamente smontato.Ha inoltre svolto le operazioni di pulizia mentre la macchina era in moto. Sarebbe utile che i costruttori delle macchine fornissero indicazioni su come effettuare in modo alternativo ed efficiente queste operazioni garantendo livelli di sicurezza adeguati. Occorre inoltre aumentare la percezione del rischio che, per questa categoria di lavoratori, è molto bassa con più informazioni e racconti di casi emblematici come questo.