Scarsa cooperazione tra capi e lavoratori